Artroscopia del ginocchio

L’artroscopia del ginocchio è quella tecnica chirurgica che permette di operare all’interno delle articolazioni in modo poco invasivo senza aprire le stesse. Per questo motivo l’artroscopia viene definita mini invasiva al contrario di quanto avviene con le metodiche classiche. Il chirurgo ortopedico attraverso l’utilizzo di particolari microscopi – di piccole dimensioni gli artroscopi – può ispezionare direttamente l’interno delle articolazioni e diagnosticare con accuratezza. Con l’artroscopia in più si possono catturare le immagini delle articolazioni e dei gesti chirurgici effettuati attraverso sistemi di registrazione fotografica e video collegati ai sistemi di lenti miniaturizzate degli artroscopi. In altre parole è possibile attraverso varie procedure chirurgiche operare direttamente all’interno delle articolazioni, possibilità che in precedenza erano garantita solo attraverso un’ampia apertura chirurgica delle articolazioni.

Cos’è l’artroscopia del ginocchio?

L’artroscopia del ginocchio è una modalità chirurgica poco invasiva, la quale consente la diagnosi e la cura di numerose problematiche del ginocchio. L’artroscopia del ginocchio prevede piccole incisioni cutanee del ginocchio e l’utilizzo dell’artroscopio, un microscopio a forma di cannuccia con una telecamera e una fonte luminosa.

Con l’artroscopia del ginocchio si trattano abitualmente:

  • lesioni meniscali (asportazione di frammenti di menisco, suture meniscali, reinserzione delle radici meniscali, trapianto meniscale);
  • lesioni dei legamenti crociati (ricostruzione del legamento crociato anteriore o posteriore);
  • alcune lesioni cartilaginee e lesioni osteo-condrali (cioè della cartilagine e dell’osso sottostante);
  • asportazione di corpi mobili intrarticolari;
  • lesioni complesse post-traumatiche.

Sicuramente la patologia più frequentemente trattata è quella che interessa il menisco. In questo ambito infatti è possibile risolvere problematiche, talvolta complesse, con un intervento che risulta poco invasivo, di breve durata, che non richiede anestesie prolungate e che permette la dimissione nella stessa giornata. In più il periodo post-operatorio risulta relativamente breve e poco invalidante. Questo è possibile sia per la scarsità di dolore correlato all’intervento (peraltro ben controllabile con comuni analgesici e con crioterapia), sia per la possibilità di iniziare dal giorno successivo il carico parziale e la terapia riabilitativa.

Chi è il medico che pratica l’artroscopia del ginocchio?

Abitualmente tali interventi sono di competenza del chirurgo ortopedico specializzato nella diagnosi e nella cura delle problematiche all’articolazione del ginocchio.

artroscopia ginocchio salerno
Artroscopia ginocchio

Pubblicato da Donato Mancini

Mi chiamo Donato Mancini, sono un chirurgo ortopedico. Mi occupo di ortopedia e traumatologia del sistema motorio e sono specializzato nel trattamento artroscopico delle patologie del ginocchio e protesico di anca e ginocchio. Svolgo la mia attività professionale principalmente in Campania ed Emilia negli studi di Salerno, Parma, Sala Consilina, Caserta, Scafati, Napoli, Battipaglia, Pontecagnano e Serra San Bruno.

Lascia un commento